Puma Future 19.1

Acquista ora Puma Future 19.1 - Ottieni uno sconto del 60%. Vendita di sconto.

John Terry (Chelsea) – Nike Magista Opus #intenseheat Valbuena (Dinamo Mosca) – Nike Mercurial Superfly IV Custom George Friend (Middlesbrough) – adidas Adipower puma future 19.1 Ricky Holmes (Northampton Town) – Nike Mercurial Vapor IX CR7 Galaxy Carlos Tevez (Juventus) – Nike Tiempo Legend V #intenseheat.

Oggi per il Venerdì Vintage ci occupiamo di due maglie straordinarie, indossate da una giovane e splendida nazionale, protagonista di una cavalcata forse irripetibile: la Croazia del Mondiale di Francia ’98, Boban, Suker, Prosinecki, Jarni, Stanic, Asanovic, Sono solo alcuni dei nomi di una generazione d’oro che ha portato una piccola nazione, uscita da pochissimi anni dal dramma di una guerra civile, a sfiorare il tetto il mondo, Massima espressione nata dalla puma future 19.1 disgregazione della Jugoslavia, all’epoca calcisticamente detta il “Brasile d’Europa”..

La Croazia, già normalmente caratterizzata da una maglia unica, si presentò al suo primo mondiale con una casacca prodotta dalla trevigiana Lotto che è puma future 19.1 considerabile tuttora la più rivoluzionaria nei 25 anni di storia (moderna) di questa nazionale, I caratteristici scacchi biancorossi non erano disposti su tutta la maglia come da tradizione, ma si distendevano principalmente sul lato destro, in una versione dinamica, come un drappo al vento con tanto di effetto tridimensionale apportato dall’ombra grigia dei quadrati rossi, Ad arricchire il tutto c’erano i fregi tricolore del colletto (sia sul bavero che sulla V) e dei bordi manica..

La prima divisa venne indossata in tutte le tre le partite del girone H, dove la Croazia era stata sorteggiata con Giamaica, Giappone e Argentina: senza dubbio il gruppo più estroso del Mondiale dal punto di vista delle divise. Come pronosticabile arrivò una sconfitta contro l’Argentina, preceduta da due vittorie contro le altre due nazionali meno quotate, anch’esse esordienti in una fase finale di un Mondiale. Dunque la Croazia passò come seconda classificata e trovò agli ottavi di finale la Romania che nel suo gruppo era riuscita a mettersi alle spalle l’Inghilterra.

E proprio contro i romeni fece il suo esordio nella competizione la seconda puma future 19.1 maglia, altra perla confezionata dalla Lotto, Blu con un elaborato colletto a polo e bordi manica tutti decorati dal tricolore croato. Le tinte della bandiera le ritroviamo anche a delimitare gli ampi inserti a scacchi biancorossi che coprono la parte inferiore delle maniche ed i fianchi, Come sulla prima maglia, lettering Lotto e stemma erano posizionati al centro, Con questa maglia arrivarono solo vittorie : prima l’1-0 firmato da un rigore di Suker contro la Romania, e poi il roboante 3-0 con cui i croati umiliarono la Germania campione d’Europa nei quarti di finale, Furono Jarni, Vlaovic e Suker a firmare la storica impresa e a portare gli uomini di Blazevic a disputare la storica semifinale dello Stade de France contro i padroni di casa..

In quel caso la Croazia tornò ad indossare la prima divisa e per un minuto riuscì ad assaporare l’emozione di essere virtualmente in finale: al 46′ il solito Suker portò avanti i suoi gelando Saint-Denis. Brivido durato solo un minuto, quanto bastò a Thuram per segnare il gol del pareggio, bissato poi al 70′, per una doppietta che appartiene al mondo dell’imponderabile. Il sorriso tornò sui volti della nazionale balcanica al Parco dei Principi, per la finale di consolazione vinta per 2-1 contro l’Olanda, con gol di Prosinecki e Suker, quest’ultimo capocannoniere di Francia ’98 con 6 reti. La maglia blu concluse il suo mondiale con 3 vittorie su 3.

Seguire i calciatori professionisti può diventare una vera ossessione; ormai siamo abituati a vedere una partita con più di un obiettivo: goderci lo spettacolo offerto in campo e avere sempre un occhio vigile sulle scarpe ai piedi dei 22 in campo, A giudicare da quante volte e da come ci scrivete, crediamo puma future 19.1 sia una “malattia” molto comune, Ormai non facciamo in tempo a notare uno “switch” o una colorazione particolare che ce la segnalate tempestivamente, Proprio dei cambi di scarpini vogliamo parlare oggi in maniera approfondita, quelli che hanno caratterizzato gli ultimi tempi, andando nelle specifico nelle situazioni (che comunque vi abbiamo sempre segnalato tempestivamente) che sicuramente ci hanno colpito maggiormente, Procediamo per gradi..

Ilkay Gundogan (Dortmund) – Da Nike puma future 19.1 Magista ad adidas F50 adizero Uno switch davvero poco ipotizzabile, considerando con cosa il centrocampista del Borussia aveva giocato fino ad oggi, Cambia il segmento del prodotto, cambia la tipologia, cambia un po’ tutto quello a cui eravamo abituati, Lo switch è interessante perchè, avendo seguito Gundogan molto spesso, avevamo notato che ormai indossasse sistematicamente le Magista Obra completamente nere, segno evidente di una fase di “non contratto”, L’idea che ci siamo fatti è che al momento, una volta firmato con adidas, il prodotto che da maggiori garanzie sia proprio F50, ma ci riserviamo di pensare che con le future uscite estive, Gundogan possa cambiare ancora, vedremo...



Messaggi Recenti